Teatro. L’infanzia oppressa di “Invisibile”

112

in scena a inverigo il tema del lavoro minorile

Domenica 5 febbraio – ore 18.30
Circolo Togunà – Via C. Bianchi, 2/A Inverigo (Frazione Villa Romanò)

“INVISIBILE”
di e con Michele Fiocchi
Liberamente ispirato al libro di Francesco D’Adamo “Storia di Iqbal” – Storia vera di Iqbal Masih”

Dedicato all’infanzia oppressa e centrato sul tema del lavoro minorile. Con un monologo che si coniuga al teatro gestuale si sintetizza la vicenda del giovane Iqbal Masih, che negli anni 90 del secolo scorso riusci’ a cominciare un percorso di liberazione per sé e per i bambini del Pakistan sfruttati selvaggiamente come lavoratori. Divenuto sindacalista a 13 anni dopo un duro apprendistato come tessitore di tappeti, fu assassinato dalla mafia pakistana il giorno di Pasqua del 1995. Per non dimenticare.

Questa iniziativa è frutto della proposta degli amici di “Fuoritraccia”, un’associazione che già da tempo sta promuovendo e realizzando un progetto di diffusione teatrale in spazi domestici.
Il Teatro domestico nasce dalla voglia di dar vita a proposte culturali cercando nuove modalità di fruizione e di organizzazione.

Dopo lo spettacolo, della durata di 50 minuti circa, seguirà alle 20.00 una cena e l’incontro a tu per tu con l’attore.

Informazioni:

Quota di partecipazione: 15 euro
Il numero dei partecipanti è, per necessità, limitato e quindi è necessario comunicare la vostra partecipazione telefonando allo 031.607223 – cell 3489122302 o inviando una mail a: graziella.mascheroni@fastwebnet.it 
Entro il 1 febbraio 2017.