Oggiono. 1° Serata Lisanderiana

 

 ciclo di approfondimento su spunti tematici offerti da "I Promessi Sposi"

Mercoledì 13 dicembre - ore 21.00
Sala Consiliare - Comune di Oggiono

All'interno del ciclo di approfondimento "Serate Lisanderiane"
I PROMESSI SPOSI - Storia di un popolo lombardo

Il primo incontro delle Serate Lisanderiane, il ciclo di approfondimento su spunti tematici offerti da "I Promessi Sposi", sarà propedeutico alla preparazione in vista della Maratona Manzoniana che si svolgerà a fine luglio 2018.

La prima Serata, organizzata insieme al Gruppo di cultura manzoniana "I Venticinque lettori", affronterà il tema "I Promessi Sposi: storia del popolo lombardo", con intervento del prof. Gian Luigi Daccò e letture di quattro brani strettamente connessi all'argomento dell'incontro [l'episodio di Renzo e l'Azzeccagarbugli (Potere e Legge), l'assalto ai forni e la madre di Cecilia (Peste, Guerra e Carestia), il pane del Perdono (Violenza e Perdono)] a cura di Gianfranco Scotti.

Nell'Introduzione al romanzo Manzoni definisce la storia "una guerra illustre contro il tempo". Per Manzoni dunque "l'essenza della poesia non consiste nell'inventar dei fatti", ma nel far uscire, proprio dalla storia, i sentimenti e "le passioni che hanno tormentato gli uomini".

Il ruolo della Storia ne "I Promessi Sposi" sembra trovare piena spiegazione nelle parole di Ugo Foscolo, che nell’articolo Della nuova scuola drammatica (1826) affermava : "il segreto, in qualunque lavoro dell’arti d’immaginazione, sta tutto nell’incorporare e identificare la realtà e la finzione in guisa che l’una non predomini sovra l’altra, e che non possano dividersi, né analizzarsi, né facilmente distinguersi l’una dall’altra".

Alle parole di Foscolo fanno eco quelle di Aleksandr Puskin: "Forse questo sistema di composizione apparirà singolare in prima lettura; forse questa miscela di realtà e finzione susciterà qualche sorpresa. Ma il lavoro di Manzoni non è un romanzo: è un libro. Prima di giudicare, è necessario studiare bene la relazione intima che esiste tra tutte le parti, la grande arte che ha presieduto la sua composizione".

Il format delle Serate Lisanderiane è impostato proprio per guidare, attraverso la lettura di pagine significative e relativo inquadramento storico, il pubblico e i lettori della maratona alla comprensione delle vicende, dei personaggi e del significato del capolavoro manzoniano.