Chiave di Volta. L'Alto Medioevo "foris portas"

 

l'alto medioevo nell'itinerario culturale dell'associazione chiave di volta

Domenica 12 marzo - ore 9.45 - 12.30

L'ALTO MEDIOEVO "FORIS PORTAS"
Gli affreschi di Castelseprio e del Monastero di Torba
con la guida di Darko Pandakovic e Alessandro Verga

La visita programmata a Castelseprio e Torba conferisce ai nostri itinerari e ai nostri approfondimenti di conoscenza una nota diversa: saremo immersi infatti in un’epoca storica le cui testimonianze sono rare nel nostro territorio. Gli affreschi nella chiesa diSanta Maria foris portas rappresentano un unicum nella storia dell’arte non solo italiana ma europea: questo capolavoro pittorico, la cui datazione oscilla, nell’opinione della critica, tra il VI-VII secolo ed i primi decenni del IX secolo, si presenta a noi con una vivacità narrativa sorprendente, di estrema modernità (per guardarlo bene non basta un’ora…!)
Il sito archeologico di Castelseprio è quanto rimane di una roccaforte difensiva dell’epoca longobarda, sulla linea di difesa contro i Germani, premuti dagli Unni; fu importante presidio militare anche con i Franchi. 
Il monastero di Torba, dal 1977 gestito dal FAI che ne ha messo in luce le strutture archeologiche, le architetture e gli affreschi, è un complesso prezioso per indagare sui “secoli bui” dell’alto Medioevo: nella torre sono i ritratti delle badesse del monastero di monache benedettine, della fine del VIII secolo.
Il complesso monumentale è stato dichiarato nel 2011 “Patrimonio dell’Umanità UNESCO”, associandolo  ad altri siti, da Cividale del Friuli a Benevento e a Monte Sant’Angelo, nel tema  “I Longobardi in Italia: luoghi del potere”.

Programma

ore 9.30 Ritrovo all’ingresso del Parco Archeologico di Castelseprio (Via Castelvecchio, 1513)
ore 11.15 Monastero di Torba (Via della Stazione – Castelseprio,  fraz. Torba)

L’itinerario sarà effettuato in assenza di pioggia. In caso di annullamento i partecipanti saranno informati entro sabato 11 Marzo tramite e-mail.

Modalità di partecipazione

L’iniziativa è aperta a tutti con un contributo di partecipazione:
€ 5,00 per i giovani fino a 26 anni
€ 10,00 per i soci di CHIAVE DI VOLTA iscritti al FAI
€ 15,00  per i soci di CHIAVE DI VOLTA non iscritti al FAI
€ 15,00 per i non soci iscritti al FAI
€ 20,00 per i non soci non iscritti al FAI.

Sarà data priorità ai soci che prenoteranno entro lunedì 6 Marzo mentre il termine per tutti è giovedì 9 Marzo tramite una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. nella quale andranno specificati nome e recapito telefonico.
Per maggiori informazioni telefonare al n° 339.6186062

 

 

 

 

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.