TSC. Opera Education 2018/2019

 

al via le iscrizioni PER i progetti di OPERA EDUCATION 2018/2019

Il 17 settembre 2018 dalle ore 14.00 aprono, per le scuole italiane, le iscrizioni online ai progetti di Opera Education 2018/2019 (tutto su www.operaeducation.org). Opera Education è la piattaforma che promuove la passione e la comprensione del linguaggio dell'opera lirica, rivolgendosi al pubblico giovane di bambini e ragazzi dagli 0 ai 18 anni con progetti di educazione musicale e laboratori interattivi anche per i genitori in attesa di un bimbo. La piattaforma di AsLiCo (Associazione Lirica e Concertistica Italiana) che da oltre 20 anni educa il pubblico di bambini e ragazzi all’opera lirica ed alla musica sinfonica, crea percorsi didattici divertenti, strutturati per fasce d’età che, realizzati a scuola, culminano con la partecipazione attiva all’opera, dal proprio posto in teatro.

L’edizione 2018/19 è un curioso viaggio ispirato a L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, alla scoperta dell’opera e del suo mondo ricco e affascinante. Il primo appuntamento della nuova edizione è un’anteprima per educatori e famiglie il 27 e 28 ottobre presso il Teatro Sociale di Como. Si chiama Opera Education Experience ed è una due giorni ricca di conferenze, laboratori e momenti di spettacolo dedicati sia agli operatori, educatori ed insegnanti che partecipano ai progetti scolastici, sia ad un pubblico di famiglie con i loro bambini.

OPERA EDUCATION: MISSIONE POSSIBILE

Nutrire il naturale entusiasmo dei giovani per la musica e accendere la passione per un genere musicale spesso considerato "noioso", difficile o nel migliore dei casi, riservato ad una ristretta cerchia di estimatori, è la missione di AsLiCo che, con Opera Education, è diventata ormai una realtà consolidata in moltissime città italiane. Imparare a cantare alcune arie dell’opera e costruire piccoli oggetti di scena con cui intervenire dal proprio posto in platea, queste sono alcune delle attività di Opera Education che trasformano i piccoli spettatori in protagonisti di uno spettacolo di opera lirica in piena regola.

Da sempre l’opera lirica fonde la magia della musica dal vivo, del canto e del teatro con i colori delle scene, dei costumi e i contenuti importanti che ogni storia racconta. Opera Education è riuscita a scardinare la percezione ‘impolverata’ dell’opera realizzando spettacoli, collegati a percorsi didattici, a cui i bambini partecipano attivamente. AsLiCo la chiama opera partecipata perché il pubblico è coinvolto sia prima che durante lo spettacolo.

"Il lavoro di Opera Educationracconta Barbara Minghetti, ideatrice e curatrice della  piattaforma  – nasce da una visione che ha prodotto negli anni una crescita entusiasmante che ci spinge oggi a proseguire nella ricerca con grande passione. Grazie al coinvolgimento di operatori specializzati nella didattica e nell’infanzia, di giovani professionisti, artisti e musicisti che credono nei nostri progetti, troviamo strumenti e canali didattici innovativi, sperimentando nuovi modi di pensare e proporre l’educazione musicale. Dalla scorsa edizione abbiamo progettato e sperimentato con successo il percorso di Opera Domani, pensato e dedicato ai bambini non vedenti. Grazie alla collaborazione con l'Università di Macerata, il team accessibilità del Macerata Opera Festival, e l'Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti (UICI), abbiamo sviluppato un progetto per rendere l’opera accessibile ai ragazzi non vedenti, garantendo loro la fruizione inclusiva dello spettacolo.

Opera Education per noi è una missione culturale, ma anche sociale, perché mette in contatto un’arte completa e piena di significati come l’opera lirica, con l’energia dei giovani e la loro naturale capacità di stupirsi ed apprendere. Cerchiamo di formare il nuovo pubblico di domani per mantenere viva la sensibilità per la musica e l’amore per il bello augurandoci, con questo, di contribuire ad una società migliore".

Le attività di Opera Education, sono riconosciute dal Ministero dell’Istruzione e insegnano l’opera lirica ai bambini e ragazzi nelle scuole, coinvolgendoli in spettacoli realizzati da professionisti ed adattati per il pubblico giovane. La ricerca di canali didattici ed artistici è in continua espansione e negli anni ha creato un vero e proprio format, esportato anche in alcuni paesi d’Europa come Francia, Spagna, Belgio, Germania e Austria, fino ad arrivare anche in Oman, grazie a coproduzioni internazionali.

UN’ELISIR CHE INCANTA I SENSI, INVITA ALLA LETTURA E STIMOLA CREATIVITÀ E IMMAGINAZIONE

L’accadimento che apre l’opera di quest’anno, L’elisir d’amore, è la lettura di Tristano e Isotta.

ATTO I - La giovane Adina se ne sta in disparte, leggendo delle vicende di Tristano e Isotta, mentre i mietitori riposano all'ombra. Intanto, l'umile contadino Nemorino la osserva da lontano, esprimendo per lei tutto il suo amore e la sua ammirazione, dolendosi della propria incapacità di conquistarla. I contadini chiedono ad Adina di renderli partecipi delle sue letture; lei comincia a leggere delle peripezie di Tristano e del filtro magico che lo ha aiutato a far innamorare di sé la regina Isotta.                                            

                                                                                                            Dal libretto di L’elisir d’amore

Ed è proprio sulla lettura, da sempre considerata l’attività evolutiva ed educativa per eccellenza che Opera Education pone uno dei focus di questa edizione. Una vera e propria "chiamata alla lettura" sarà sostenuta anche dall’aiuto di esperti nel campo, che  daranno il loro supporto lavorando su una parte teorica per gli insegnanti, che tratta dei benefici della musica nello sviluppo della creatività e del benessere del bambino e proponendo temi interdisciplinari con esercizi pratici per invitare i bambini alla lettura.

Informazioni e contatti: Sito. www.operaducation.org / Tel. 0289697360

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.

 

 

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.