Teatro Lucernetta. "La Regina della Neve"

 

 In scena una delle più famose fiabe di H.C. Andersen

Domenica 17 dicembre - ore 15.30 e 17.30
Teatro Lucernetta - P.zza Medaglie d'oro, 4 Como

LA REGINA DELLA NEVE
di H.C.Andersen

adattamento Sarah Paoletti
con Ester Montalto, Francesco Saitta, Sarah Paoletti, Massimiliano Angioni, Marta Caronti
Scene Jack Porta
Costumi Laura Cairoli
Produzione Teatro in Centro
Regia Ester Montalto

"La Regina della Neve" è una delle più belle fiabe di Andersen. Costruita come una scatola cinese racconta tante storie, l'una dentro l'altra. Una storia di amicizia, un viaggio attraverso il deserto ghiacciato del Nord, dove l'aria è tagliente, un percorso iniziatico dentro l'eterno conflitto tra cuore e ragione. Partiamo da una fiaba per parlare del nostro oggi, di quell'incantesimo malato della freddezza e del rifiuto delle emozioni che colpisce tutti, adulti, adolescenti e bambini. Ma tutto questo attraverso un viaggio, avventuroso e fantastico il cui punto d'arrivo è la semplice verità di un piccolo abbraccio capace di sciogliere il ghiaccio dell'anima.

Gerda e Kay sono fratelli ed amano trascorrere il loro tempo curando le rose della nonna ed ascoltandola mentre racconta le sue favole. Una sera d'inverno la nonna racconta della regina della neve, tanto bella quanto gelida, che rapisce i bambini e li porta al nord, dove non fanno più ritorno. Sembra solo un mito, ma Kay incontra veramente la regina della neve: un attimo brevissimo, quanto basta perché due schegge di ghiaccio stregato penetrino nell'occhio e nel cuore del ragazzo e ne mutino il carattere.

Da quel momento Kay diventa cattivo con tutti, persino con Gerda e seguirà di sua spontanea volontà la regina della neve. Gerda, disperata per la scomparsa di Kay, decide di andare a cercarlo. Innumerevoli avventure e diversi buffi personaggi l'aiuteranno lungo il cammino verso la Lapponia e il grande nord ghiacciato, perfino il KrisKint, l'angioletto aiutante di Babbo Natale si commuoverà davanti alla caparbietà della piccola Gerda. Una volta arrivata al palazzo di ghiaccio della Regina della Neve Gerda trova Kay, lo abbraccia e con le lacrime scioglie il ghiaccio nel suo cuore.

La Regina della Neve oggi si trova pericolosamente sempre più vicina ai nostri ragazzi incantandoli con il gelo che toglie ogni soffio di fantasia e lasciandoli a subire passivamente storie inventate da altri come quelle della televisione e dei videogiochi.

Informazioni:

Biglietti: acquistabili sul sito della compagnia www.teatroincentro.com o direttamente presso la biglietteria del teatro che sarà aperta sabato 16 dicembre dalle 15.00 alle 18.00 e domenica 17 dicembre dalle ore 14.00.
Prezzi: 3 € e 4 € per i bambini (balconata, platea) / 7 € e 8 € per gli adulti (balconata, platea)

Per ulteriori informazioni:
Tel. Biglietteria 345.67.15.852 (dal lunedi' al venerdi' dalle 18.30 alle 20.30,sabato dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 20.00 e domenica dalle 10.00 alle 12.00)
Mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.

 

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.