Museo Messina. "Belle di Natura"

 

 un appuntamento dedicato al rapporto tra scultura e immagine bidimensionale

Dal 9 marzo al 4 aprile 2018
Studio Museo Francesco Messina - Via San Sisto, 4/A Milano

BELLE DI NATURA
Opere di Gianluca Balocco e Zachari Logan
a cura di Francesca Bacci e Maria Fratelli

Nelle sale dello Studio Museo Francesco Messina si ammira la mostra BELLE DI NATURA. Opere di Gianluca Balocco e Zachari Logan a cura di Francesca Bacci e Maria Fratelli, aperta dal 9 marzo al 4 aprile, in cui le sculture del maestro dedicate ad AccollaFracci eSavignano negli anni Settanta, entrano in dialogo con le fotografie delle tre danzatrici ritratte oggi da Balocco e con gli arazzi disegnati di Logan, che si esprime sulle affinità del creato.

L'esposizione organizzata dal Comune di Milano, Assessorato alla Cultura - Studio Museo Francesco Messina, voluta dalla direttrice del museo Maria Fratelli, è inserita nel ciclo di appuntamenti "Il lato della scultura" dedicato al rapporto tra scultura e immagine bidimensionale, che la rappresenta, la evoca o le risponde, sia essa fotografia o disegno.

"La mostra mette in risalto la capacità di Francesco Messina di cogliere l'essenza immutabile dei suoi ritratti, oggi rivisitati da Balocco con altrettanta attenzione e forza interpretativa. Le fotografie delle tre danzatrici famose in tutto il mondo Accolla, Fracci e Savignano accanto ai disegni di Logan ricompongono la continuità e l'armonia della natura di cui l'uomo è parte, a significare che il pianeta terra è un tutt'uno, all'arte il compito di unirlo in un abbraccio", commenta Maria Fratelli, evidenziando il fil rouge che lega gli artisti nella rivelazione della bellezza unita all'armonia della natura.

La selezione di 18 scatti di Gianluca Balocco, realizzati con un apposito set fotografico nelle storiche sale di Palazzo Reale per ritrarre tre celebri ballerine di fama internazionale, sono il risultato di un lavoro in cui le tre donne emergono per la loro forza, esperienza e vigore nel corpo esile e flessuoso come un giunco, modellato dal tempo. Si tratta di un'opera concettuale in cui il vestito indossato viene considerato come elemento di collegamento fra la realtà e una dimensione astratta e assume un ruolo e un peso diverso e del tutto personale per ogni danzatrice. Aida Accolla, con creatività e ironia indossa abiti da lei ideati e realizzati, e con essi interpreta diversi ruoli, immedesimandosi in una pianta che attraversa le differenti stagioni; Carla Fracci indossa un vestito ideato per la mostra insieme all'artista, lungo 10 metri a indicare lo scorrere del tempo e di colore verde in sintonia con la natura; Luciana Savignano con costumi lisi e consumati usati nell'allenamento di una vita, viene ritratta come una guerriera samurai, fisica e vitale.

Le tre figure femminili incarnano tre modi diversi di essere donna e di definire la bellezza, suggerendo riflessioni sull'omologazione estetica diffusa nella società contemporanea; in mostra le fotografie di piante sacre indiane riprese nella loro interezza, comprensiva di radici, rimandano alla unicità di ciascuna ballerina.

La loro bellezza naturale, frutto di esperienza e di maturità è paragonata dalla curatrice Francesca Bacci a quella presente nel regno vegetale: "in natura, infatti, vengono lodate le piante mature che, arrivate a quota, hanno rallentato la crescita per investire nella gestione della propria complessità. È la bellezza di una forma data dal tempo, fatta di forza e slancio, di resistenza e flessibilità, che esige rispetto. Bellezza permanente, non transeunte, perché sublime, nel senso etimologico del termine: che giunge e incalza fin sotto alla soglia più alta, al limite estremo della grandezza, punto di non ritorno, oltre il quale anche il pensiero si perde".

Il legame con il mondo vegetale si fa concettualmente imprescindibile anche nei lavori policromi di Zachari Logan che propone The Gate, un disegno realizzato ad hoc che si sviluppa in verticale come un arazzo sui tre piani del museo. Le tre sezioni dell'opera, in cui sono rappresentate differenti varietà di vegetazione che si rarefanno nella parte superiore, assumono la valenza di fondale scenico alle opere di Messina la cui presenza è evocata dagli spazi vuoti che alludono a un immaginario posizionamento delle sculture tra le foglie e dall'utilizzo di tutti i toni di verde presenti nelle patine metalliche dei lavori del maestro. Una metafora dell'ascesi spirituale che Logan mette in parallelo alle cantiche dantesche, un viaggio che si intraprende varcando un cancello, come cita il titolo stesso, e che dà accesso a un nuovo mondo. Come per Balocco, in Logan la natura è metafora da leggere con attenzione per allontanarsi da paradigmi deviati e devianti di bellezza che spesso si impongono nella società. Questo grande disegno, fluttuante nello spazio vuoto al centro del museo, rifiuta il ruolo di sfondo, imponendosi come protagonista, facendoci sentire la nostra insignificanza nel confronto con il sublime, con l'infinita varietà di alberi, di piante tropicali e di erbe infestanti che, indifferenti al nostro giudizio di valore legato solo al possibile uso o sfruttamento per fini umani, sono fondamentali all'ecosistema per il loro ruolo legato al bio-equilibrio del pianeta terra.

Per completare il sovvertimento dei valori, al piano sotterraneo, a raccogliere il messaggio di questo spettacolare arazzo disegnato, chiude concettualmente la mostra l'autoritratto Naked in the Roses in cui le foglie si scansano e si intravede nel giardino la figura dell'artista che cammina nudo. È una risposta ai corpi rappresentati da Messina, corpi in cui l'identità dei nudi atletici maschili contrasta con quella aggraziata e sensuale femminile propria dell'epoca, in una dicotomia risolta e armonizzata nel nudo di Logan, concettualmente al centro di una linea ideale tra questi due poli - maschile e femminile -, reso in monocromo rosa fuxia con uno stile realista che esprime unione, affinità con il creato, appartenenza al mondo. Nei disegni di Logan ammiriamo piante che similmente all'uomo esprimono le proprie sensazioni con le loro radici, fiori, pistilli a volte dalle sembianze umane a indicarne la vicinanza.

Un ringraziamento particolare al Dott. Domenico Piraina, Direttore Area Polo Mostre e Musei Scientifici, per aver ospitato il set fotografico di Gianluca Balocco che ha ritratto le tre famose étoile nelle sale di Palazzo Reale.

La mostra è realizzata anche con il contributo degli sponsor Lucenova Srl e BIG Broker Insurance Group / CiaccioArte

Coordinate mostra

Titolo BELLE DI NATURA. Opere di Gianluca Balocco e Zachari Logan
A cura di Francesca Bacci e Maria Fratelli
Sede Studio Museo Francesco Messina - Via San Sisto 4/A - Milano
Date 9 marzo - 4 aprile 2018
Orari da martedì a domenica, ore 10-18. Lunedì chiuso
Ingresso libero
Info pubblico Tel. 02 86453005 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito www.comunedimilano.it/museomessina 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.