NodoLibri. Il Teatro Sociale di Como (1813-2013)

225

titolo Il Teatro Sociale di Como
sottotitolo 1813-2013
curatori Fabio Cani
Alberto Longatti
editore NodoLibri
formato Libro
pagine 256
pubblicazione 2013

 

Edito per iniziativa della Società dei Palchettisti in occasione del duecentesimo anniversario dell’inaugurazione del Teatro Sociale, il volume ripercorre con rigore scientifico e alta leggibilità l’intera vicenda del Teatro comasco. Vi sono approfondite non solo le vicende architettoniche e artistiche (riconsiderate a partire dai documenti originali con non poche novità rispetto a quanto ripetutamente proposto dai precedenti saggi dedicati alla storia del Teatro), ma anche quelle riguardanti il contesto culturale e giuridico e i tanti tipi di spettacolo che nella sala al coperto e nell’arena all’aperto si sono susseguiti in due secoli. Particolare rilievo assume, nel quadro dell’architettura di inizio Ottocento, la figura del progettista, Giuseppe Cusi.

In gran parte inedito è il corredo iconografico (oltre 250 immagini) che affianca a riprese appositamente eseguite un ricchissimo patrimonio di immagini d’archivio, tra cui il corpus dei progetti per il Teatro, qui proposto per la prima volta con tutti i disegni noti.

Testi di Luca Ambrosini (architetto, da vari anni è responsabile del progetto di restauro e valorizzazione del complesso del Teatro Sociale) – Claudio Bocchietti (avvocato e consigliere della Società dei Palchettisti) – Fabio Cani (editore e studioso di storia locale, ha pubblicato numerosi volumi sull’arte e la storia del Comasco) – Marco Leoni (architetto, esperto di restauro e di storia dell’architettura, Politecnico di Milano Dipartimento ABC) – Alberto Liva (docente di Diritto comune e di Storia del diritto medievale e moderno all’Università Cattolica di Milano) – Alberto Longatti (giornalista culturale, saggista, storico, studia letteratura, arte e teatro dell’Otto-Novecento), Nicoletta Ossanna Cavadini (architetto, direttrice del M.a.x. Museo di Chiasso, è autrice di studi sull’età neoclassica in Lombardia e in Ticino), Alberto Rovi (storico dell’arte, docente al Liceo “Volta” di Como, è autore di numerosi saggi sull’arte lombarda), Raffaella Valsecchi (attiva nella promozione e organizzazione musicale, ha curato il riordinamento dell’archivio del Teatro Sociale di Como).