NodoLibri. Presentazione di “Ombra dell’Indicibile”

159

Sabato 1° dicembre, alle ore 16.00, presso la Biblioteca civica di Cermenate (via Scalabrini 153), incontro con Antonio Bonavita, che presenterà al pubblico la propria raccolta poetica dal titolo Ombra dell’indicibile. Versi (1968-2017).

Intervengono con l’autore Luigi Picchi, autore della presentazione e Fabio Cani (casa editrice NodoLibri).

Ingresso libero

Pausa notturna

L’aria
ancora vestita di pioggia
La terra
labbra stanche di acqua
I larici
silenziosa sete di sole
Ma nel cielo
incerta
finalmente una stella

Alba sul lago di Como

Il sole in un punto
ha forato le nuvole
e un tronco di fuoco vibra
fiorito dal lago
Silenzio d’acque infinite
fremo echi esultanti di luce
quando le tue labbra alle mie versano
fiumi di caldo

“Antonio Bonavita mi ricorda quei gentiluomini di un tempo che raccoglievano in un canzoniere le poesie di una vita, tappe liriche di un sistematico itinerario biografico ed esistenziale. Infatti in questa raccolta prevalgono poesie d’occasione, cosiddette encomiastiche o legate a ricorrenze e poi dediche a familiari, parenti, amici, conoscenti e personaggi della storia e della cronaca, tutto un repertorio ampio e costante, espressione di una fedeltà ad affetti e a valori nella luce della fede e nella ricerca della Verità di Cristo. Non mancano componimenti in latino per esimi colleghi classicisti o in dialetto avellinese o filastrocche o epigrammi scherzosi, lasciando così prospettare anche la possibilità di una poesia ludica, simpaticamente metaletteraria.
La ricerca dell’autenticità e il conseguente ridimensionamento del posto dell’uomo nell’universo e nell’economia umana e morale del pianeta sono alcuni dei punti fermi della scrittura lirica di Bonavita. Una poesia, quella di Bonavita, aliena dalle vanità della fama, delle mode e delle pose letterarie, estranea ai minimalismi neocrepuscolari o ai maledettismi neorfici, decisamente antimoderna nei contenuti, aperta ancora alla contemplazione della natura”.

(Dalla presentazione di Luigi Picchi)