NodoLibri. Gabriele Fontana, “La banda Carlo Pisacane. Carenno, Erna, Santa Brigida, Corni di Canzo”

87

Gabriele Fontana, La banda Carlo Pisacane. Carenno, Erna, Santa Brigida, Corni di Canzo

Edito in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea “Pier Amato Perretta” di Como e l’Associazione Culturale Banlieue di Osnago, il volume costituisce un nuovo passo nella ricostruzione complessiva delle vicende della lotta di liberazione dal nazifascismo nella Lombardia pedemontana.

Oggetto principale di «questa piccola ricerca» – come la definisce l’autore – sulla storia della banda “Pisacane” sono gli uomini che subito dopo l’8 settembre 1943 si attivarono per dare vita alle prime forme di lotta partigiana a cavallo tra il Triangolo Lariano, il Lecchese e la Val Brembana mettendo in gioco la loro vita non avendo nessuna idea di come sarebbe andata a finire».

In realtà non si tratta di una «piccola ricerca» ma di un paziente e puntiglioso lavoro di scavo in archivi pubblici e privati, incrociato con gli scarni contributi della memorialistica e con la raccolta di testimonianze, dettato dall’intenzione di sottrarre, da un lato, la storia di quegli uomini e della “Pisacane” alle ricostruzioni basate sul “sentito dire” e, dall’altro, di recuperarne conoscenza e memoria svincolandole da intenti celebrativi e ricollocandole criticamente nel contesto di quella fase iniziale di lotta, segnata, come avrebbe poi ricordato Ferruccio Parri, dalla «stagione del dubbio, perché – aggiungeva – non sapevamo se questa volta le radici della guerra per bande avrebbero attecchito»