Pinacoteca Züst. Apertura straordinaria

 

 a pentecoste porte aperte per le mostre della pinacoteca di Züst 

Lunedì 5 giugno
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst - Rancate (Mendrisio) Svizzera

APERTURA STRAORDINARIA secondo il consueto orario: 9.00 - 12.00 / 14.00 - 17.00

Sarà possibile visitare le seguenti mostre:

RAFFAELLA COLUMBERG (1926-2007)
Ceramista
dal 26 marzo al 20 agosto 2017

La Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate dedica la prima retrospettiva all'artista di origini biaschesi Raffaella Columberg, in occasione del decimo anniversario dalla sua scomparsa.

Figura chiave nel Ticino per lo sviluppo della ceramica, la Columberg è pioniere nell'affermazione di questo medium, riscattandolo dalla semplice connotazione di "arte decorativa" e di artigianato. Grande sperimentatrice e innovatrice, ad una produzione di manufatti legati al quotidiano affianca una ricerca scultorea di tipo formale e contenutistica peculiare, forte della propria esperienza internazionale e del milieu di cui si era circondata.

Sviluppata attraverso quattro nuclei tematici, la mostra presenta al pubblico il particolare linguaggio espressivo maturato dall'artista biaschese, forgiato attraverso un'attenta indagine sull'essenza della materia eletta durante il corso di tutta la carriera.

Le opere sono sostenute da un ricco materiale d'archivio, proveniente dalla famiglia e mai esposto, fra cui schizzi, annotazioni, lettere, fotografie e dipinti della collezione privata dell'artista, che è possibile ammirare in una ricostruzione dello studio della ceramista.
La mostra è inoltre accompagnata da un catalogo arricchito da interviste agli intellettuali che gravitavano attorno a lei.

LE STANZE SVELATE
La collezione d’arte di Ivo Soldini dai Vela a Marino Marini
dal 7 maggio al 27 agosto 2017

La mostra si inserisce nel novero delle esposizioni che la Pinacoteca Züst dedica già da qualche anno a collezioni private presenti sul territorio e sconosciute al grande pubblico.

Ivo Soldini è uno scultore e pittore molto noto in Svizzera, discendente da una famiglia di professionisti legati al mondo delle arti e da sempre residenti nel comune di Ligornetto. Alla sua attività, Soldini affianca da molti anni quella di collezionista di opere dell’Ottocento e del Novecento.

Oltre al nucleo di opere provenienti dai suoi antenati, si annoverano dipinti, sculture e grafiche di artisti ticinesi, ma anche confederati e internazionali, raccolti da Soldini nel corso degli anni. Fra i nomi che vengono presentati citiamo quelli di Bossoli, Vela, Agnelli, Burzi, Pessina, Sartori, Genucchi, Regina Conti, Renzo Fontana, Gonzato, Ubaldo Monico, Felice Filippini, Dobrzanski, Imre Reiner, Marino Marini, Manzù, Remo Rossi e Pierino Selmoni. Non mancano in mostra le voci internazionali, da Pablo Picasso, presente nella collezione con un nucleo di grafiche, a Paul Klee, da Lucio Fontana a Ossip Zadkine.

 

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.