Mostra Giardini di Seta. Il commento

 

Giardini di Seta apre la stagione estiva delle mostre comasche

Approfondendo uno temi più cari all'imagerie tessile – quello cioè dei fiori, dei frutti, del verde – la mostra ripercorre la storia moderna della produzione tessile e della moda, dal Settecento ad oggi, con innumerevoli reperti e oggetti: disegni, tessuti, abiti e accessori. È una festa di colori e di forme, che spazia dai broccati settecenteschi, ai leggeri tessuti della Belle Epoque, al design più recente: se ne ricava un percorso ricchissimo che valorizza sia i prodotti del settore tessile lariano (soprattutto per i decenni più recenti) sia le realizzazione di un più vasto contesto europeo (soprattutto lionese).

Il percorso inizia a Villa Sucota, che ospita la prima parte della storia: sete barocche lionesi, taffetas decorati con tralci di rose o di bacche, cotoni per arredamento, il tutto articolato in sette tappe, dalle suggestive intitolazioni "Giardini barocchi", "Giardini sinuosi", "Giardini romantici", "Legature romantiche", "Giardini alle pareti", "Giardini di violette", "Giardini ruggenti".

A Villa Bernasconi di Cernobbio è invece ospitata la parte dedicata al Novecento, il periodo della progressiva affermazione delle seterie comasche, fornitrici dell'Alta Moda italiane e dell'Haute Couture francese; qui i due piani della villa sono suddivisi in "Giardini di frutta e verdura", "Giardini di erbe aromatiche", "Sete comasche per la moda internazionale, "Giardini pop", "Giardini tropicali", "Giardini di rose", "Sarti italiani nel dopoguerra", "La magia dell'haute couture". Sempre a Villa Bernasconi si trova il bonus dell'esposizione, costituito da alcune tavole dell'erbario otto-novecentesco di Giuseppe Fabani, medico condotto di Cernobbio, prestato dalla Fondazione Rusca di Como.
Tra tutti i materiali esposti, nonostante la straordinaria bellezza di alcuni disegni e di alcuni tessuti, sono però gli abiti a svettare: in particolare alcuni degli anni ruggenti (a Villa Sucota) e altri dell'Haute Couture parigina della seconda metà del Novecento a Villa Bernasconi; anche da soli meriterebbero una visita.

Va anche sottolineato che le due sedi della mostra risultano tutt'altro che casuali: in Villa Sucota a Como erano ospitati. prima della Fondazione Antonio Ratti, gli uffici delle Seterie Ratti, mentre Villa Bernasconi a Cernobbio fu la residenza dell'industriale tessile Davide Bernasconi, che se la fece costruire nel 1905 dall'architetto milanese Alfredo Campanini e la volle decorata con le figure a rilievo di bachi da seta, farfalle e foglie di gelso.

La mostra, realizzata da Fondazione Antonio Ratti e Città di Cernobbio, con il sostegno e il patrocinio di numerose altre istituzioni e imprese, sarà accompagnata da una nutrita serie di manifestazioni collaterali, sarà visitabile, fino all'11 ottobre con orari: martedì-venerdì 14-18; sabato, domenica e festivi 10-19; il biglietto unico per le due sedi costa 7 euro, ridotto 5 euro.

[Fabio Cani, ecoinformazioni]

 

Guarda anche:

Como. Mostra "Giardini di Seta"