Mostre. "Dal pane nero al pane bianco"

 

Dal pane nero al pane bianco: una mostra di storia

Nata in occasione di Expo Milano 2015, dedicata com'è noto proprio al tema del cibo, per iniziativa del Comune di Milano e del comitato provinciale milanese dell'Anpi, la mostra storica si propone di approfondire il ruolo del cibo negli anni cruciali prima e dopo la seconda guerra mondiale, la lotta di liberazione, la ricostruzione. È una mostra articolata e accattivante al tempo stesso, ricca di materiali diversi (ritagli di giornale, documenti, statistiche, immagini pubblicitarie, fotografie), evidentemente pensata per un uso didattico, ma interessante per ogni tipo di pubblico.

Viene proposta per la prima volta nel Comasco da Anpi Dongo, Associazione Museo della Resistenza di Dongo, Istituto di Storia contemporanea di Como e Cittadini Insieme di Porlezza e Valli, come contributo alla conoscenza non superficiale di un periodo centrale nella recente storia nazionale, di cui la memoria della vita quotidiana è già, nonostante tutto. in gran parte perduta.

Una delle due curatrici, la storica Roberta Cairoli – l'altra è Debora Migliucci -, ha fornito durante l'inaugurazione di sabato 12 marzo una approfondita illustrazione della mostra: in cinque grandi capitoli, i materiali documentari sono organizzati intorno ai temi dell'autarchia alimentare, del ruolo dell'educazione scolastica per l'orientamento dei comportamenti alimentari, delle ristrettezze dei consumi negli anni della guerra e dell'occupazione tedesca, del ruolo della vita quotidiana nella lotta di liberazione e – finalmente – il ritorno alla normalità dopo il recupero della libertà. L'ampiezza delle indicazioni fornite è tale che tra una tabella alimentare, una pubblicità di una vecchia marca di surrogati di uova e un volantino degli scioperanti del 1944, non è difficile trovare una ricetta della marmellata di more o qualche suggerimento su come sfruttare gli avanzi. Della varietà di stimoli è testimone anche il titolo, ispirato da due libri scritti da due grandi protagoniste di quegli anni, Pane nero di Miriam Mafai, e Il pane bianco, autobiografia di Onorina Brambilla Pesce.

L'esposizione è visitabile fino al 25 marzo alla sala mostre di piazza Garibaldi a Menaggio il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, gli altri giorni su prenotazione (Cristina Redaelli 3289188743, Paola Rosiello 3396023781); poi dal 26 marzo all'8 aprile sarà a Musso e dal 9 al 25 aprile a Porlezza.

[ Fabio Cani, ecoinformazioni ]

 


Leggi anche:

LAC Lugano. Le fotografie di Rodčenko

Chiasso. "Imago Urbis" al m.a.x. museo