Musica. "La bacchetta magica" in tre concerti

 

tre appuntamenti musicali per ripercorrere l'arte di toscanini e stokowski 

> Sabato 1 luglio - ore 21.00
Chiesa di San Giorgio - Montagna in Valtellina

> Domenica 2 luglio - ore 21.00
Piazza Garibaldi - Menaggio
(CO)
in caso di maltempo il concerto si terrà nella Chiesa Parrocchiale di S.Stefano

> Domenica 9 luglio - ore 21.00
Villa Castelbarco - Vaprio d'Adda (MI)

LA BACCHETTA MAGICA
Musiche di Bach, Dukas, Daugherty, Čajkovskij e Verdi 

ORCHESTRA DI FIATI DI VALTELLINA
direttore Lorenzo Della Fonte

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
TOCCATA E FUGA in Re min., BVW 565 (1703)
trascr. Erik Leidzén (1894-1962)

Paul Dukas (1865-1935)
L’APPRENDISTA STREGONE Poema sinfonico (1897)
trascr. Mark Hindsley (1905-1999)

Michael Daugherty (n. 1954)
BELLS FOR STOKOWSKI (2002)

Pëtr Il’ič Čajkovskij (1840-1893)
ROMEO E GIULIETTA Ouverture – Fantasia (1869)
trasc. Mark Hindsley (1905-1999)

Giuseppe Verdi (1813-1901)
LA FORZA DEL DESTINO Ouverture (1861)
trasc. Mark Rogers (n. 1955)

Michael Daugherty (n. 1954)
ON THE AIR (dedicato a Toscanini – 2012)

Nel 2017 ricorrono contemporaneamente il 150° anniversario della nascita e il 60° anniversario della morte di Toscanini, e il 40° anniversario della morte di Stokowski. Entrambi grandissimi direttori, entrambi hanno lavorato negli Stati Uniti dove sono stati molto apprezzati. Lo straordinario compositore americano Michael Daugherty ha dedicato loro due brani che riassumono la loro arte. La prima parte del programma prevede due dei pezzi che hanno decretato il successo di Stokowski, celebre per le sue orchestrazioni di Bach e per aver partecipato al film “Fantasia” di Walt Disney proprio con le esecuzioni della “Toccata e Fuga” e de “L’apprendista stregone”.

La seconda parte riprende due grandi interpretazioni classiche di Toscanini e termina con un brano che fa riferimento alla notevole attività radiofonica del musicista italiano.
Ci sarà un ulteriore motivo di interesse, dovuto alla presentazione di una bacchetta appartenuta ad Arturo Toscanini (1935), ora custodita da Lorenzo Della Fonte, direttore del concerto. È la “bacchetta magica” del titolo, in riferimento sia al pezzo di Dukas, sia alla maestria direttoriale di Stokowski e Toscanini, che con questo strumento “incantavano” le platee di tutto il mondo.

> Scopri di più sul sito