Conferenze. Emilio Terragni al lavoro dal 1955

 

emilio terragni protagonista al novocomum

Venerdì 20 gennaio - ore 17.00
Sede dell’Ordine degli Architetti PPC di Como (Novocomum) - Viale Sinigaglia, 1

”EMILIO TERRAGNI AL LAVORO DAL 1955"
dedicata all’architetto e nipote di Giuseppe Terragni

Un appuntamento con la storia dell’Architettura con la A maiuscola e un incontro pubblico di rilievo culturale, promosso dall’Ordine per la città di Como, che vede protagonista Emilio Terragni. L’architetto nei sessantadue anni di attività è stato ed è “testimone” di varie generazioni, come ama definirsi. Infatti Emilio Terragni lavora dal 1955 con entusiasmo e dedizione nell’ambito dell’architettura pubblica e privata, dell’urbanistica e del design.

Degna di nota nel suo percorso lavorativo è l’esperienza dei Quartieri IACP e INA Casa in cui la progettazione e l’esecuzione è stata realizzata coinvolgendo numerosi professionisti, quali ingegneri, sociologi e architetti. Inoltre è proprio con INA Casa che si assiste ad importanti innovazioni a livello tipologico delle unità abitative.
La conferenza sarà introdotta dall’architetto Lorenza Ceruti, Segretario del Consiglio dell’Ordine, che ha collaborato con l’architetto Emilio Terragni per diversi anni presso il suo studio.

Emilio Terragni, nato a Como nel 1929, si diploma alla Scuola Internazionale del CIAM a Venezia nel 1953 e  si laurea alla Facoltà di Architettura di Milano nel 1955. Vince la Medaglia d'argento alla XI TRIENNALE del 1957. È membro del Comitato Organizzatore della Mostra "Architettura e Città", a Como nel  1966.

È assistente di Vittoriano Viganò nella  cattedra di "Architettura degli interni, arredamento e decorazione" alla Facolta' di Architettura di Milano dal  1964 al1972  e di Marcello Grisotti nella  cattedra di "Architettura tecnica" alla Facoltà di Ingegneria di Milano dal 1983 al 1986. È membro di diverse commissioni tra cui quella per la revisione del P.R.G.  della  città di Como nel 1960, della Commissione Edilizia del Comune di Como dal 1966 al 1968  e dall'1981 al 1985. È presidente dell'Ordine degli Architetti di Como dal 1992 al 1997.

Si occupa del restauro dell' Asilo Sant’ Elia a Como, tra 1980- 84 e nel 2001, che sarà al centro di articoli su riviste e pubblicazioni in tutto il mondo. Interviene nell’ambito di conferenze e dibattiti Internazionali sul restauro del moderno. Partecipa a numerosi concorsi e incarichi privati e pubblici. I suoi lavori sono stati pubblicati su Casabella,   Domus, L'architettura Cronaca e Storia, Costruire, Rivista Tecnica del Canton Ticino, Recuperare, Ville e Giardini, L'industria delle Costruzioni, Orientamenti Moderni nell'edilizia,Casa Vogue. È in corso di realizzazione una monografia sulla sua attività che verrà ultimata nel 2018.