Como. In mostra un artista comasco - La mostra

La mostra The Story all'interno della suggestiva ex chiesa di San Pietro in Atrio, ora adibita a museo comunale, si configura come una vera e propria mostra antologica degli ultimi progetti concepiti dall'artista tra il 2013 e il 2015.

Con i suoi stencil, Mr. Savethewall opera un repêchage iconografico dalla storia artistica del passato, dalle icone della moderna civiltà dei consumi, dai feticci della moda e dalla cronaca, dalla comunicazione mediale e dalla vita di tutti i giorni, per riportare alla luce opere dalla forte carica semantica, che trasformano il significato iniziale del soggetto e ne riportano alla luce lontane associazioni individuali e collettive.

Tra i primi cicli, It's an icon è il titolo di una serie di opere accomunate dalla ripresa di un'icona pop dello Star system o di personaggi simbolici del nostro immaginario – da Albert Einstein a Che Guevara, da Audrey Hepburn a Elvis Presley, da Marilyn Monroe ai Beatles fino al proprio Autoritratto – e dalla loro ricodificazione mediante il camuffamento di una maschera con occhiali, baffi e sopracciglia finte.

L'esigenza di progressiva riduzione e astrazione ha originato, tra la fine del 2014 e l'inizio del 2015, la serie Unmistakable dove Mr. Savethewall ha riproposto, ancora una volta, le sagome di personaggi iconici e simbolici del nostro tempo e li ha riprodotti in negativo, come un'ombra nera ritagliata sulla tela, appurando come, pur operando nei termini di una estrema semplificazione formale, l'icona permanga riconoscibile e inconfondibile, alle volte grazie a un solo particolare colorato, apparentemente insignificante.

In parallelo alla serie Unmistakable, Mr. Savethewall ha dato avvio a un altro gruppo di lavori che si origina sempre dallo stencil ma questa volta, anziché la semplificazione, interviene un'azione di stratificazione e accumulo di livelli che intende far riflettere sulla necessità di scandagliare l'opera oltre l'apparenza superficiale, accattivante, colorata, pop, per arrivare a leggere il messaggio profondo ed essenziale che si nasconde dentro ogni lavoro. Si tratta della serie dei Plexi, realizzata grazie alla sovrapposizione di leggeri fogli di Plexiglas, che inglobano all'interno di una teca, e tra uno strato e l'altro, i fogli di stencil utilizzati per costruire le precedenti opere pittoriche (per es. Pinocchio, Kiss me, L'uccellino di Twitter, La Pietà).

Altro progetto che ha ottenuto grande riscontro di pubblico e di critica, ora in mostra presso San Pietro in Atrio, è Balloon Art, che mette in scena la tematica dello scoppio della bolla speculativa facendone esplodere uno dei suoi simboli indiscussi, il Balloon Dog di Jeff Koons, saltato in aria in una bufera di banconote "One DollArt" con al centro il ritratto dell'artista star. Tre sono gli artisti chiave al centro del dibattito di questa bolla dell'arte, di cui l'artista riprende con tono ironico e dissacrante tre opere fra le più famose: Damien Hirst, Jeff Koons e Maurizio Cattelan.

Infine, sono presenti in mostra alcuni LIFESHOT, rilettura dell'artista sul tema del ritratto fotografico che sintetizza la vita di un uomo o di una donna in 16 fotogrammi in cui il personaggio è accompagnato di volta in volta da un oggetto personale che lo caratterizza in un preciso momento della sua fase esistenziale.

Tra i personaggi che hanno realizzato il LIFESHOT, ricordiamo il collezionista Eugenio Borroni, il giornalista di Repubblica Davide Cantoni, lo chef di MasterChef Bruno Barbieri, il giornalista e saggista Angelo Crespi, il critico d'arte Luca Beatrice, il critico fotografico Denis Curtis, l'ideatore del Festival della Lettura Gianmario Pilo, lo youtuber Francesco Sole e molti altri personaggi più o meno conosciuti e sconosciuti, perché chiunque può diventare, per un giorno, protagonista di un'opera d'arte costruita a propria "immagine e somiglianza".

 

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.