Arte. Mostra alla pinacoteca di Mendrisio

 

Conferenza stampa e visita alla mostra con i curatori

In occasione dei 480 anni di fondazione del Convento di Santa Maria Assunta del Bigorio, prima sede in Svizzera dei frati cappuccini, l'Associazione Amici del Bigorio, costituitasi nel 2011, ha deciso di proporre extra-muros, quale saggio dei beni culturali che vi si custodiscono, alcune tele settecentesche particolarmente significative.

La mostra allestita nelle sale della Pinacoteca Züst di Rancate propone una decina di opere provenienti dalla ricca quadreria cappuccina, la quale consta di una settantina di tele risalenti perlopiù ad un periodo che va dal tardo Rinascimento all'Ottocento.

Gli autori dei dipinti esposti vanno ricercati tra i protagonisti più prestigiosi della pittura lombarda del Settecento, testimonianza dei legami culturali e artistici che il convento intratteneva con Milano e con la provincia: da Giuseppe Antonio Petrini di Carona a Pietro Antonio Magatti di Varese, da Giuseppe Antonio Felice Orelli di Locarno al milanese Federico Ferrario.

Selezionate secondo un criterio cronologico, le opere propongono tematiche sacre differenziate, legate sia alla loro destinazione per edifici religiosi sia al collezionismo privato, costituendo nel contempo un arricchimento delle conoscenze del corpus artistico di questi artefici.

L'esposizione, curata da Edoardo Agustoni e Ivano Proserpi, è accompagnata da un catalogo con saggi sulla storia del convento, sulla formazione della sua quadreria e con schede delle opere in mostra.

 

Venerdì 17 aprile, ore 11 si terrà una conferenza stampa di presentazione della mostra con seguente visita in compagnia dei curatori.

 

[Scarica il volantino della mostra]

 

Come raggiungere la pinacoteca:

Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con l'ausilio della segnaletica. Per chi proviene dall'autostrada Milano-Lugano l'uscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate. La Pinacoteca è di fronte alla chiesa parrocchiale di Santo Stefano, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti.

 

Info sulla mostra:

"Tra le mura del Bigorio. Dipinti del Settecento lombardo dalla quadreria del convento"

Dal 19 aprile al 13 settembre presso la pinacoteca Zust di Rancate (Mendrisio)

Orari: da martedì a domenica. Aprile, maggio, giugno e settembre 9-12 / 14-17; luglio-agosto 14-18

Chiuso il lunedì

www.ti.ch/zuest - Tel. +41 (0)91 816 47 91

 

 

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.