Mostra. La parola agli artisti

Mostra. La parola agli artisti

 

 Arte e impegno a Milano negli anni Settanta


Giovedì 17 Novembre 2016 - ore 17.45

Con la guida di Elena Di Raddo

Ci sono momenti in cui l’arte ha vissuto intensamente il proprio tempo e gli anni Settanta sono stati uno di quei momenti. Gli artisti sono scesi nelle strade, insieme agli studenti e agli operai in protesta, facendo opere insieme alle donne che rivendicavano nuovi spazi e nuovi diritti, ai malati mentali e ai detenuti delle carceri. Ai contenuti, sociali e impegnati, le opere hanno associato in quegli anni un linguaggio innovativo, talvolta altrettanto rivoluzionario e sperimentale, andando dalla pittura alla fotografia, al video, all'installazione

Elena Di Raddo ci accompagnerà nella visita della mostra La parola agli artisti. Arte e impegno a Milano negli anni Settanta, che ha curato insieme alla collega CristinaCasero: un’esposizione che raccoglie i lavori degli artisti che hanno animato la città di Milano nei suoi anni più difficili e che sono la chiave per comprendere la contemporaneità

Modalità di partecipazione
La partecipazione è gratuita per i soci di CHIAVE DI VOLTA (*) mentre comporta uncontributo di € 5,00 per i non soci. Per tutti è richiesta la prenotazione entro lunedì 14 Novembre tramite una e-mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. precisando cognome, nome, recapito telefonico

Programma
17.45 Ritrovo all'ingresso del museo, situato di fronte alla stazione FF.SS., Viale Padania 6, Lissone.
http://www.comune.lissone.mb.it/museo-arte-contemporanea
Per chi intende utilizzare mezzi propri è disponibile un ampio parcheggio.
A chi preferisce viaggiare in treno segnaliamo quello delle 16.52 o delle 17.13 da Como S. Giovanni con rientro alle 19.32 e arrivo a Como alle 20.07

Per maggiori informazioni 339.6186062

 

 

 

 

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.