Musica. Il canto Sacro Gregoriano dal Caucaso

 

Il festival Voces , nel ciclo Voci Alte, offre una possibilità unica: quella di conoscere lo straordinario canto georgiano, praticato nelle regioni del Caucaso.  Il canto polifonico georgiano è stato il primo patrimonio immateriale dell’umanità ad essere inserito nella lista UNESCO (nell’anno 2001) e sarà presentato dall’ensemble vocale Adilei di Tbilisi.

Adilei_cantori georgiani - CopiaIl primo appuntamento è venerdì 2 settembre alle ore 21 nella basilica paleocristiana di San Vincenzo in Galliano a Cantù, con un programma interamente dedicato al canto polifonico Le tradizioni di canto sacro sono presenti circa dal IV secolo, quando il Cristianesimo è stato adottato come religione di Stato: la Chiesa georgiana è infatti una delle più antiche, più antica anche della Chiesa russa.

La seconda tappa si svolge  sabato 3 settembre a Premana. Il ritrovo è alle ore 15.30 presso il Museo Etnografico. Dopo il concerto, chi lo desidera può cenare con i cantori presso lo storico ristorante La Peppa al prezzo speciale di euro 20: prenotarsi ai numeri 0341 818062 oppure 347 9427007.

L’ultimo appuntamento è domenica 4 settembre alle ore 18 nella chiesa di S.Martino a Sueglio, dove Adilei terrà un concerto di musica sacra.

Per i cantori di Adilei la musica è un modo per comunicare con gli altri nella vita di ogni giorno, al di là dei concerti ufficiali. Il loro primo concerto ha avuto luogo in una prigione femminile e il secondo in un bar. Da queste prime esperienze si è sviluppata un’attività che li ha portati in varie parti del mondo.

 

 

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.