FAR. "Textilities...Once Removed"

 

Fondazione Antonio Ratti. 30° anniversario 

La Fondazione Antonio Ratti è lieta di presentare Textilities...Once Removed, la seconda parte delle mostra che celebra il 30° anniversario della Fondazione e il centenario della nascita del suo fondatore: il designer tessile, imprenditore e collezionista Antonio Ratti (1915-2002).

Textilities...Once Removed, in mostra fino al 17 aprile, riconfigura un gruppo di opere di Charlotte Posenenske, mettendole a confronto con un ampio nucleo di poesia concreta a due e tre dimensioni creata negli anni '50 e '60 del gruppo brasiliano Noigandres, con opere di André Cadere, Hilary Lloyd e Janice Kerbel. Questi artisti, e le loro diverse pratiche, condividono l'unione di rigide strutture astratte con un senso di disobbedienza al fine di istigare una cesura autoriflessiva all'interno delle loro opere. È in questa cesura che si annida e materializza una significazione "a due dita dalla pagina". Nei tessuti ikat tinti "a riserva" e nelle matrici di stampa katagami, l'anima tessile della Fondazione Antonio Ratti rivela inaspettate assonanze, visive e metodologiche, con i dispositivi di distanziamento usati da questi artisti. I motivi decorativi degli ikat sono creati permettendo al colore di penetrare solo in determinati segmenti del filo mentre le altre parti dello stesso sono protette dà una legatura impermeabile. I katagami sono matrici di stampa giapponesi ottocentesche usate per creare decorazioni sistemiche di altissima precisione ma esterne alla trama del tessuto.

Per conoscere maggiori informazioni sulla mostra, clicca qui


stop view
/
      ozio gallery by joomla.it
       

      Photo: Agostino Osio

       

      Articoli correlati:

      Fondazione Ratti. 30° anniversario

       

       

      Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

      La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

       

      Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.