“Le imprese e lo sviluppo sostenibile: scelta o dovere?”. Intervista a Enrico Giovannini

114

È una scelta o un dovere oggi orientare i modelli di produzione e consumo verso uno sviluppo sostenibile?

È questa la domanda alla base della Lectio Magistralis del professor Enrico Giovannini, già ministro del Lavoro e delle Politiche sociali e direttore ISTAT, economista, professore all’università di Tor Vergata e portavoce di ASVIS, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile,  che si è tenuta il 20 febbraio in Camera di Commercio.

La consapevolezza della necessità di un cammino verso lo sviluppo sostenibile è fondamentale in un mondo sempre più interconnesso tra ambiente, società ed economia e le aziende e le istituzioni devono fare la propria parte ed avere il coraggio di cambiare paradigma in modo tale da assicurare società più inclusive, responsabilità condivise e visioni di lungo termine.

In questo contesto le imprese giocano un ruolo decisivo non solo per il loro impatto a livello economico ma anche per le esternalità positive o negative prodotte a livello sociale e ambientale. Parlare di sviluppo sostenibile significa quindi ripensare a un modello economico in grado di generare profitto, integrando le responsabilità sociali e ambientali e creando valore condiviso per tutta la comunità. Se inizialmente questa visione era promossa da una spinta etica ed ecologista, oggi questo approccio si sta sempre più dimostrando un importante fattore di innovazione e di competitività.

Il professor Giovannini è stato chiamato a testimoniare, nell’ambito del progetto SMART,  l’importanza dello sviluppo di una cultura della sostenibilità a tutti i livelli, orientando a tale scopo i modelli di produzione e di consumo per far crescere nella società, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 e per mobilitarli allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

GUARDA L’INTERVISTA
[https://www.youtube.com/watch?v=EiecVSrmTVM]