Festival “A due voci”. Giornate conclusive

134

Festival A due voci
A cura di Bruno dal Bon
Nietzsche: la musica come filosofia
16-17 novembre 2019

Nel weekend dal 15 al 17 novembre si svolgeranno poi le giornate conclusive del Festival A due Voci 2019 in un’alternanza di incontri filosofici e concerti che tenteranno di intercettare l’essenza del pensiero filosofico e musicale del filosofo tedesco.
Venerdì 15, alle ore 18 in Pinacoteca lo psicanalista Michele Rugo parlerà di dionisiaco e apollineo in relazione ai generi musicali più diversi: dalla classica all’heavy metal.
La sera di venerdì, sempre in Pinacoteca alle ore 20.30, con la soubrette Elena D’Angela e la pianista Sabina Concari, cercheremo invece di raccontare la passione profonda di Nietzsche per l’operetta di Offenbach.

Sabato 16 novembre avremo alle ore 11 al Palazzo Valli Bruni in via Rodari 1 il filosofo franco-messicano Santiago Espinosa che interverrà sulla relazione musicale tra Schopenhauer e Nietzsche, mentre nel pomeriggio ci sposteremo nel Salone dell’organo del Conservatorio di Como per una conferenza della musicista e filosofa Margerita Anselmi sugli influssi nietzscheani nell’opera del compositore russo Aleksandr Skrjabin.
A seguire due interessantissimi concerti: alle 17, sempre in Conservatorio, questa volta in Auditorium, si esibirà l’Orchestra d’archi del Conservatorio di Como diretta da Bruno Dal Bon insieme a tre giovani pianisti del Conservatorio di Torino in un programma di autori sconosciuti come Carlo Rossaro e Renauld De Vilbac, molto amati da Nietzsche.
La sera alle 21 in Pinacoteca si terrà invece il concerto del Quartetto d’archi “Alla maniera italiana” che presenterà, in prima esecuzione italiana, il primo quartetto di Peter Gast, compositore amico e fedele collaboratore di Nietzsche.

Domenica 17 novembre tutte le iniziative si svolgeranno in Pinacoteca a cominciare dalle ore 11 con il primo incontro tenuto dal filosofo svizzero Timon Boehm che parlerà di filosofia e “topologia” mettendo in relazione Nietzsche con il matematico Felix Hausdorff.
Nel pomeriggio alle ore 16 si terrà un nuovo concerto con musiche del compositore piemontese Carlo Rossaro, tenuto dal duo, violoncello e pianoforte, Sergio Patria e Elena Ballario.
A seguire il filosofo Carlo Serra si interrogherà su come la musica possa commentare, o modificare il senso di un testo filosofico attraverso l’ascolto e l’analisi della Terza Sinfonia di Gustav Mahler che mette in scena un testo dal Così parlò Zarathustra di Nietzsche, il celebre Canto della Mezzanotte.
L’ultimo appuntamento serale alle ore 20.30 sarà con la musica pianistica composta da Nietzsche che per diversi anni si dedicò anche alla composizione. Brani prima commentati da Bruno Dal Bon insieme al pianista Andrea Chindamo e poi eseguiti da quest’ultimo.