“Como. Costruzione di un’immagine”: ciclo di eventi per il “FuoriFiera del Libro”

117
Alle ore 18 dei giorni 10, 11, 12 e 13 settembre, presso la Libreria Plinio il Vecchio (Como, via Vitani 14), Fabio Cani terrà un ciclo di incontri dal titolo “Como. Costruzione di un’immagine”.

Ogni appuntamento sarà incentrato su di un’immagine di Como, declinata secondo quattro macrotipologie formali.

Nello specifico, si partirà dalla xilografia, antica tecnica artistica, per passare poi alle stampe ottocentesche, proseguendo con le cartoline, a cavallo col Novecento, e concludendo poi con uno sguardo al secolo XX, ossia il periodo storico teatro dell’affermazione definitiva della fotografia.

Per il primo dei quattro incontri alla Libreria Plinio il Vecchio, martedì 10 settembre alle 18, l’opera da cui prenderà le mosse la trattazione sarà una xilografia del 1486 (“Comum civitas Lombardie“, una veduta ideale della città di Como), tratta dal “Supplementum chronicarum“, opera enciclopedica edita a Venezia a partire dal 1486 a cura di Jacopo Filippo Foresti (1434-1520).

La prima immagine a stampa della città di Como è un’illustrazione piccola e piuttosto generica, che può sembrare contraddittoria rispetto alla nuova funzione che si assume la stampa a caratteri mobili, cioè la diffusione della conoscenza a un pubblico assai più ampio di quello legato alla cultura manoscritta.
Questo sforzo di divulgazione, che appare in prospettiva storica come una delle fondamentali rivoluzioni della cultura moderna, fa subito leva anche sull’uso delle immagini, che possono essere riprodotte grazie alla messa a punto di nuove tecniche, come appunto la xilografia (incisione su legno).

EVENTI A INGRESSO LIBERO.