Camera di Commercio. Ecco il piano per la competitività e lo sviluppo dell’area lariana

Presentato stamane a Lariofiere di Erba l'importante documento programmatico e strategico. Ne anticipiamo qui i contenuti

401

Nell’ambito della manifestazione “Fornitore Offresi”, oggi, giovedì 14 febbraio 2019, presso Lariofiere di Erba (Sala Porro), si è tenuta la presentazione del Piano per la competitività e lo sviluppo dell’area lariana, un documento di indirizzo volto a focalizzare l’attenzione sulle prospettive economiche e sulle priorità strategiche della nuova Camera di Commercio di Como-Lecco e degli altri stakeholder dell’area vasta, con orizzonte temporale al 2030.

Il documento – disponibile per intero a fondo pagina in formato digitale – si articola in quattro parti fondamentali.

Nella prima parte vengono enunciate alcune sfide nel medio periodo che definiscono la struttura delle opportunità e dei vincoli globali entro cui si situa lo sviluppo del territorio di Como e di Lecco e il riposizionamento della sua governance. Vengono cioè esemplificate alcune trasformazioni dell’ambiente globale che, nell’arco temporale del piano, costituiscono delle sfide che influiranno direttamente sulla struttura produttiva e sociale del territorio, insieme a una breve analisi per sommi capi che, riprendendo i materiali prodotti dagli Uffici Studi e Statistica camerali in occasione della XII Giornata dell’Economia (giugno 2018), cerca di far emergere gli impatti socio-economici nel periodo compreso tra la crisi mondiale del 2008 e l’oggi.

Una seconda parte tratta invece delle idee motrici o fattori abilitanti trasversali che strutturano ciascuno dei cinque macro-temi fondamentali in cui si articola la parte centrale e propositiva del Piano. Sono state dunque individuate cinque condizioni abilitanti:
– il capitale umano: il processo di ripersonalizzazione dell’economia nella società della conoscenza, con il ritorno della persona al centro (competenze, lavoro, attrattività);
– le infrastrutture produttrici di beni pubblici, a partire dall’idea che la competitività, la crescita e anche lo sviluppo siano oggi il frutto soprattutto della capacità di una società di cooperare e investire in infrastrutture (materiali e immateriali) e capitali di conoscenza;
– il rinnovamento della governance intra e inter-territoriale come fattore abilitante per lo sviluppo e il bisogno di un soggetto che svolga il ruolo di “pivot” nei processi connettivi;
– le nuove imprese, dato che uno dei fattori di maggiore attenzione per lo sviluppo oggi è rappresentato proprio dalla rigenerazione dell’imprenditorialità, alla luce degli imperativi della società della conoscenza e soprattutto dell’esigenza di formulare modelli di impresa più adatti alle nuove forme assunte dal processo di produzione del valore.

La terza parte del Piano, la più corposa, comprende la presentazione e l’articolazione per ciascun macro-tema delle proposte (linee d’azione ed esemplificazioni di possibili iniziative progettuali) che possono costituire la trama della programmazione pluriennale della nuova Camera di Commercio unitaria. Nei diversi capitoli che compongono la parte tematica del Piano, si è scelto di articolare proposte su base esemplificativa, per suggerire in modo chiaro direttrici d’azione e precisare le connessioni tra di esse. Infatti, come il lettore avrà modo di rilevare, gli ambiti di sovrapposizione tra i macro-temi derivano proprio dalle strette connessioni esistenti tra di essi.

La quarta e ultima parte illustra invece le possibili opzioni di riorganizzazione della rete della governance, alla luce degli assi tematici e progettuali del Piano, definendone un set di possibili proposte di configurazione, avendo al contempo cura di definire in essa il posizionamento della nuova Camera di Commercio.

Scarica il documento completo:
Il piano per la competitività e lo sviluppo dell’area lariana