Active Zone: installazione “Il Piatto”

207

un progetto per esprimere cultura del cibo, sostenibilità ambientale e molto altro

L’installazione “Il Piatto” è stata pensata e realizzata appositamente per l’evento ParoLario

L’idea è nata durante un brain storming dove discutevamo dell’opportunità di esporre lavori per l’evento a Villa del Grumello. Ho pensato che sarebbe stato interessante tentare di creare un quadro interattivo che reagisse in base alla curiosità del pubblico. Il quadro non avrebbe rappresentato una natura morta, anzi, una natura viva che grazie alla curiosità del pubblico avrebbe mutato la propria forma andando a deteriorarsi.

Nascosta dall’idea pratica del deterioramento del cibo vuole esserci una piccola riflessione: chi si avvicina per giungere all’oggetto dei propri desideri non resta mai totalmente appagato. Questo perchè tale oggetto, con il passare del tempo, inesorabilmente tende a mutare la propria forma ed il proprio essere. Una visione che trovo particolarmente adatta a molte relazioni umane. Inoltre questo lavoro ha inevitabilmente portato una riflessione sugli aspetti etici che riguardano la cultura del cibo e la sostenibilità ambientale, che l’opera si propone di lasciar trasparire.
Accanto alla riflessione di significato sull’opera si deve aggiungere il lavoro pratico che ha portato alla realizzazione del “quadro”: vari mesi di setup tecnico, un piatto di spaghetti, 21 giorni di riprese e più di 1800 fotografie.

I tre giorni di presentazione sono stati un successo. E’ stata una grandissima soddisfazione vedere il pubblico reagire in maniera incuriosita e positiva. Questo mi ha dato una grande carica positiva in merito alla realizzazione di molti dei progetti che ho attualmente in cantiere, a volte accantonati per lasciare spazio ad altri lavori.